Giornata Mondiale senza Tabacco 2019

Giornata Mondiale senza Tabacco 2019 - Sezione di Pesaro e Urbino

Torna il 31 maggio la Giornata Mondiale senza Tabacco, il “World No Tobacco Day”, promossa dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS): una giornata di riflessione globale sui rischi associati al fumo con l'obiettivo di aumentare la consapevolezza sugli effetti nocivi derivati dall'uso del tabacco e dal fumo passivo, fra le principali cause di morte al mondo.

L’OMS avverte che, se non saranno attuate efficaci politiche di contrasto, entro il 2030 moriranno ogni anno oltre 8 milioni di fumatori e più dell'80% di questi decessi prevenibili sarà tra le persone che vivono nei paesi a basso e medio reddito.

La campagna mette in guardia tutti sull'impatto negativo che il tabacco ha sulla salute dei polmoni delle persone, dal cancro alle malattie respiratorie croniche, sul ruolo fondamentale che i polmoni svolgono per la salute e il benessere di tutte le persone. La campagna serve anche come invito all'azione, sostenendo politiche efficaci per ridurre il consumo di tabacco.

Quali sono le patologie provocate dal fumo di tabacco? 

Il fumo di tabacco è la causa principale del tumore del polmone, responsabile di oltre due terzi delle morti per cancro del polmone a livello globale. Anche l'esposizione al fumo passivo a casa o sul posto di lavoro aumenta il rischio di cancro ai polmoni. Smettere di fumare può ridurre il rischio di cancro ai polmoni: dopo 10 anni di abbandono, il rischio di cancro ai polmoni scende a circa la metà di quello di un fumatore.

Il fumo di tabacco è la principale causa di broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO). Il rischio di sviluppare BPCO è particolarmente elevato tra le persone che iniziano a fumare in giovane età, poiché il fumo di tabacco rallenta significativamente lo sviluppo del polmone. Il tabacco aggrava anche l'asma, che limita l'attività e contribuisce alla disabilità. La cessazione anticipata del fumo è il trattamento più efficace per rallentare la progressione della BPCO e migliorare i sintomi dell'asma. I neonati, esposti nell’utero in gravidanza alle tossine del fumo di tabacco, attraverso il fumo materno o l'esposizione materna al fumo passivo, spesso hanno una ridotta crescita e funzionalità dei polmoni. I bambini piccoli esposti al fumo passivo sono a rischio di esordio ed esacerbazione di asma, polmonite e bronchite e frequenti infezioni respiratorie inferiori. Globalmente, secondo le stime, 165.000 bambini muoiono prima dei 5 anni di infezioni respiratorie inferiori causate dal fumo passivo. In età adulta poi continuano a subire le conseguenze sulla salute dell'esposizione al fumo passivo, poiché frequenti infezioni respiratorie nella prima infanzia aumentano significativamente il rischio di sviluppare la BPCO in età adulta.

La tubercolosi (TBC) danneggia i polmoni e riduce la funzionalità polmonare, che è ulteriormente esacerbata dal fumo di tabacco. I componenti chimici del fumo di tabacco possono scatenare infezioni latenti della tubercolosi, che colpisce circa un quarto di tutte le persone. La TBC attiva, aggravata dai dannosi effetti sulla salute dei polmoni del fumo di tabacco, aumenta sostanzialmente il rischio di invalidità e morte per insufficienza respiratoria.

Il fumo di tabacco è una forma molto pericolosa di inquinamento dell'aria in locali chiusi: contiene oltre 7.000 sostanze chimiche, 69 delle quali sono note per causare il cancro. Anche se il fumo può essere invisibile e inodore, può rimanere sospeso nell'aria per un massimo di cinque ore, mettendo tutti gli esposti a rischio di cancro ai polmoni, malattie respiratorie croniche e ridotta funzionalità polmonare.

Per ulteriori informazioni, visita il sito https://www.who.int/news-room/events/detail/2019/05/31/default-calendar/world-no-tobacco-day

 

Protocollo d'intesa MIUR/LILT

Il 24 ottobre 2018, presso la sede del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, il Ministro Marco Bussetti ed il Presidente Nazionale LILT Francesco Schittulli hanno sottoscritto il nuovo protocollo d'intesa volto a promuovere, nelle scuole di ogni ordine e grado, modelli di informazione e di educazione alla salute, ai corretti stili di vita e alla prevenzione dei tumori (vedi attività).

 

Come aiutare la LILT Sezione di Pesaro e Urbino

Sostieni anche tu le iniziative che la LILT - Sezione di Pesaro e Urbino - ONLUS svolge per la lotta contro i tumori. Aiutaci a svolgere attività di prevenzione nelle scuole, assistenza domiciliare, assistenza psicologica, ricerca scientifica e tante altre attività di carattere sociale.

-) Diventa socio: socio ordinario 10,00 euro; socio sostenitore 100,00 euro.

-) Donazioni libere: fai una donazione in denaro effettuando un versamento sul conto corrente postale 14009617 con bollettino postale intestato alla LILT - Sezione di Pesaro e Urbino - ONLUS oppure fai un bonifico sul conto corrente bancario della LILT acceso presso l'isituto bancario Unicredit Banca Spa - Filiale Pesaro C.so XI Settembre 156 - Coordinate IBAN: IT 40 C 02008 13308 000004998413.

Ricorda che la LILT - Sezione di Pesaro e Urbino è una ONLUS e quindi la donazione che farai potrà essere detratta nella tua prossima dichiarazione dei redditi.

-) Lasciti: inserire un lascito a favore della LILT Sezione di Pesaro e Urbino nelle vostre volontà è un gesto di grande solidarieta. Contattaci per informazioni.

-) Firma per il 5 per mille: firma per il 5 per mille nella tua prossima dichiarazione dei redditi indicando, tra le preferenze, il codice fiscale 92023060418. Utilizzeremo la tua donazione per svolgere tutte le attività istituzionali che la LILT si prefigge di portare avanti e ogni anno potrai controllare i progressi e le iniziative che avremo effettuato. Aiutaci ad aiutare!

Prevenire è vivere

Prevenire è vivere - Sezione di Pesaro e Urbino

Vai nella sezione "Prevenzione" del nostro sito e troverai tutte le attività che la LILT - Sezione di Pesaro e Urbino - ONLUS svolge a carattere locale ma in concomitanza e con la collaborazione della sede centrale.

Mettiti anche tu a disposizione della LILT come volontario ed invia le tue idee o le tue proposte per cercare di migliorare il servizio di prevenzione e di assistenza che eroghiamo nella provincia di Pesaro e Urbino. Scrivici una mail entrando nella sezione "Contatti" del nostro sito.

Diventa volontario LILT dai valore al tuo tempo

Diventa volontario LILT dai valore al tuo tempo - Sezione di Pesaro e Urbino

COSA FA UN VOLONTARIO LILT
Dall'assistenza al malato, alla diffusione della cultura della prevenzione, all'organizzazione degli eventi, sono tante le possibilità attraverso cui puoi offrire il tuo contributo e donare speranza ed una migliore qualità di vita al malato oncologico.
TANTI MODI DI ESSERE VOLONTARIO
Assistenza:
"stare accanto", affiancare il malato e la sua famiglia a domicilio, in ospedale e nel trasporto per le terapie, sostenendolo in tutte le necssità sia per gli aspetti pratici sia per gli aspetti psico-sociali che la malattia comporta.
Prevenzione e diagnosi precoce:
accogliere quanti si recano presso gli ambulatori e le sedi LILT, fornire informazioni orientandoli ai servizi di prevenzione offerti.
Sensibilizzazione e raccolta fondi:
divulgare materiale informativo, promuovere la LILT presso le Istituzioni, attuare interventi di sensibilizzazione per la diffusione della cultura della prevenzione presso scuole e aziende, collaborare nell'organizzazione di eventi per la raccolta fondi, allestire e presiedere gli stand LILT.

Links utili

Links utili - Sezione di Pesaro e Urbino

LILT sede centrale

Sezione di Pesaro e Urbino

Sezione di Pesaro e Urbino

Sezione di Pesaro e Urbino

A.O. "Ospedali Riuniti Marche Nord", Pesaro