Home » Eventi

Eventi

 Il 31 maggio ricorre la Giornata Mondiale senza tabacco, per richiamare l’attenzione sui danni alla salute provocati dal fumo. Il tema che quest'anno l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha individuato per la Giornata Mondiale senza Tabacco è: "Tabacco - una minaccia per Io sviluppo". L'OMS ha voluto così mettere in evidenza tutti quei rischi per la salute pubblica connessi con l'uso del tabacco, sostenendo al tempo stesso delle politiche globali per ridurne il consumo. L'ltalia è stata il primo grande Paese europeo ad introdurre una normativa per regolamentare il fumo in tutti i locali chiusi pubblici e privati, compresi i luoghi di lavoro e le strutture del settore deIl'ospitalità. Questa Legge, più conosciuta come “Legge Sirchia”, è stata considerata, ed emulata, quale esempio di efficace intervento di salute pubblica in tutta l'Europa.

La LILT da quasi 100 anni cura la promozione della salute, in quanto bene della collettività, a cominciare dal “respiro libero”, inteso come manifestazione di una filosofia di vita sana e non condizionata dalla dipendenza dal fumo di tabacco, che è la più importante causa, prevenibile, di morte legata alla malattia neoplastica. 

Obiettivi della campagna OMS 2017

- Evidenziare i legami tra l'uso dei prodotti del tabacco, il controllo del tabacco e lo sviluppo sostenibile

- Incoraggiare i paesi ad includere il controllo del tabacco nelle loro risposte nazionali all’Agenda per lo sviluppo sostenibile 2030

- Sostenere gli Stati membri e la società civile a combattere l'interferenza nei processi politici con l'industria del tabacco, portando a sua volta a rafforzare l'azione nazionale di controllo del tabacco

- Incoraggiare una maggiore partecipazione della collettività nell’ambito decisionalei per lo sviluppo e l’attuazione di strategie e piani di sviluppo e raggiungere obiettivi che privilegiano l'azione sul controllo del tabacco

- Dimostrare come gli individui possono contribuire a creare un mondo sostenibile e privo di tabacco, impegnandosi a non assumere prodotti del tabacco o abbandonando l'abitudine.

Fatti e cifre sul tabacco
Più di 7 milioni di morti per uso del tabacco ogni anno, una cifra che si prevede che cresca a più di 8 milioni all'anno entro il 2030. L'uso del tabacco è una minaccia per qualsiasi persona, a prescindere dal genere, dall'età, dalla razza, dalla cultura o dall'istruzione. Porta sofferenze, malattie e morte, impoverisce famiglie e economie nazionali.
L'uso del tabacco pesa enormemente sulle economie nazionali attraverso un aumento dei costi sanitari e una diminuzione della produttività. Peggiora le disuguaglianze sanitarie e aggrava la povertà, poiché le persone più povere spendono meno in attività essenziali come il cibo, l'educazione e l'assistenza sanitaria. Circa l'80% delle morti premature causate dal tabacco si verificano nei paesi a basso o medio reddito, che affrontano maggiori sfide per raggiungere i loro obiettivi di sviluppo.
La produzione di tabacco richiede grandi quantità di pesticidi e fertilizzanti, che possono essere rifornimenti idrici tossici e inquinanti. Ogni anno, la coltivazione del tabacco utilizza 4,3 milioni di ettari di terreno, con conseguente deforestazione globale tra il 2% e il 4%. La produzione di tabacco produce anche oltre 2 milioni di tonnellate di rifiuti solidi.

Nel 2016 si stimano in Italia circa 11,5 milioni di fumatori, il 61% di questi sono di sesso maschile.  E’ preoccupante il numero di giovani fumatori: il 13,8% dei fumatori inizia prima dei 15 anni ed il 43% in una età compresa tra i 15 ed i 17 anni (OSSFAD Indagine DOXA-ISS 2016).
Il fumo di sigaretta contiene oltre 4.000 sostanze distribuite tra parte gassosa, sospensione corpuscolata e condensato. Almeno 55 di queste, come ad esempio il cadmio, sono cancerogene. Il fumo di tabacco è la prima causa di morte per cancro. Molti dei tumori più frequenti sono causati dal fumo (es: polmone, cavo orale, faringe, laringe, esofago). Il fumo - attivo o passivo - determina inoltre l’insorgenza di broncopneumopatie croniche ostruttive (BPCO) ed altre patologie polmonari croniche; gravi malattie del cuore e delle arterie (infarto, ictus, ipertensione arteriosa, etc.); maggiori rischi di impotenza sessuale per l’uomo e riduzione della fertilità in entrambi i sessi; anomalie nel decorso della gravidanza e dello sviluppo fetale; invecchiamento precoce della pelle, gengiviti, macchie sui denti, alito cattivo, rughe profonde sul viso, tono muscolare decadente.

I benefici dello smettere di fumare

  • Dopo 30 minuti: i battiti cardiaci e la temperatura delle mani e dei piedi si normalizzano.
  • Dopo 8 ore: aumenta la concentrazione di ossigeno nel sangue.
  • Dopo 12 ore: migliora il respiro.
  • Dopo 1 giorno: il monossido di carbonio nei polmoni cala drasticamente e migliora la circolazione.
  • Dopo 1 settimana: inizia a diminuire il rischio di un attacco cardiaco; bevendo acqua la nicotina viene eliminata dal corpo; migliorano gusto, olfatto e alito, capelli e denti.
  • Dopo 1 mese: il polmone recupera fino al 30% in più della funzione respiratoria, con conseguente aumento dell’energia fisica.
  • Dopo 3-6 mesi: diminuisce la tosse cronica; anche il peso tende a normalizzarsi.
  • Dopo 1 anno: il rischio di infarto è dimezzato e si riduce anche il rischio di sviluppare un tumore.
  • Dopo 5 anni: il rischio di tumore al polmone si riduce del 50% e quello di ictus è pari a quello di un non fumatore.
  • Dopo 10 anni: il rischio di tumore si riduce ai valori minimi di probabilità. I benefici per la salute si ottengono a qualsiasi età si smetta di fumare.

 

La LILT Sezione di Pesaro e Urbino Onlus è impegnata da molti anni ad informare e sensibilizzare ragazzi ed adulti sull’importanza della prevenzione primaria (lotta al tabagismo, corretta alimentazione e corretti stili di vita). Nell’ anno scolastico 2016/2017, 8 classi III della scuola Gandiglio di Fano, 5 classi III della scuola Galilei di Pesaro e 2 classi III della scuola Scipione Lapi di Piobbico hanno partecipato al progetto “la salute viene imparando” con l’obiettivo di rivolgersi agli “adulti di domani” per portare un messaggio di educazione alla salute sviluppando il tema della prevenzione dei tumori, attraverso la consapevolezza che alcuni comportamenti come quelli legati al consumo di tabacco, se non corretti, potrebbero costituire un rischio per la propria

I Giornata Nazionale della Salute dell Donna

I Giornata Nazionale della Salute dell Donna - Sezione di Pesaro e Urbino

Anche la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori (LILT) ha intrapreso alcune iniziative a livello nazionale in riferimento alla celebrazione della 1° Giornata Nazionale della Salute della Donna, promuovendo visite gratuite presso gli ambulatori delle Sezioni Provinciali.

La salute della donna costituisce un tema prioritario per il Governo, che ha visto il Ministero della salute promotore di numerose iniziative sia nel corso del semestre di Presidenza Italiana del Consiglio dell’UE che di Expo 2015.

Con Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 11 giugno 2015 è stata indetta per il giorno 22 aprile di ogni anno la “Giornata nazionale dedicata alla salute della donna”, in occasione della quale le amministrazioni pubbliche sono sollecitate a promuovere iniziative di comunicazione e sensibilizzazione sul tema del benessere della donna.

Links utili

Links utili - Sezione di Pesaro e Urbino

LILT sede centrale

Sezione di Pesaro e Urbino

Sezione di Pesaro e Urbino

Sezione di Pesaro e Urbino

A.O. "Ospedali Riuniti Marche Nord", Pesaro