Home » Campagne nazionali

Campagne nazionali

Settimana Nazionale per la Prevenzione Oncologica 2022

Settimana Nazionale per la Prevenzione Oncologica 2022 -  LILT

La prevenzione è servita.

Prevenzione e corretti stili di vita iniziano a tavola.

Dal 19 al 27 marzo 2022 si rinnova la Settimana Nazionale della Prevenzione Oncologica, un appuntamento annuale promosso dalla Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori per educare le persone alla prevenzione.

Visite di controllo periodiche, uno stile di vita sano che preveda attività motoria e un approccio al cibo che costituisca un booster per la nostra salute. Ecco i comportamenti essenziali che la LILT incoraggia attraverso questo evento primaverile ormai diventato tradizione.

Come ogni anno, tema della campagna realizzata per comunicare la SNPO è la sana alimentazione e, da sempre, il simbolo scelto da LILT per la SNPO è uno degli ingredienti più rappresentativi della dieta mediterranea: l’olio extra vergine di oliva.

Proprio l’olio EVO 100% italiano, infatti, si è fatto ambasciatore di questa ventunesima SNPO, supportato in tale compito da uno storico testimonial delle campagne firmate LILT: lo chef stellato Davide Oldani.

scarica qui l'opuscolo della campagna

Opuscolo SNPO 2022 Opuscolo SNPO 2022 [9.476 Kb]

Campagna Percorso Azzurro 2021

La Campagna Nazionale denominata "Percorso Azzurro" è dedicata alla prevenzione e diagnosi precoce dei tumori maschili, in particolare della prostata, la cui incidenza cresce di anno in anno.

Con questa Campagna Nazionale, LILT intende potenziare il proprio impegno nella cura e nella promozione di azioni di carattere preventivo - sia primario, che secondario - volte alla sensibilizzazione della popolazione maschile in merito alle principali patologie oncologiche della sfera genitale maschile.

scarica l'opuscolo della campagna

Campagna Nastro Rosa LILT FOR WOMEN 2021

Ad ottobre si è celebrata la campagna “LILT for Women 2021”, che mira a diffondere la cultura della prevenzione per sconfiggere il tumore al seno, tumore che rappresenta il 30% delle neoplasie femminili e continua ad essere la più frequente causa di morte correlata al cancro per le donne.

Il tumore della mammella rappresenta il 30% delle neoplasie femminili e continua ad essere la più frequente causa di morte correlata al cancro per le donne.

Negli ultimi anni la mortalità per cancro alla mammella è in costante diminuzione. Le nuove tecnologie diagnostiche ci consentono di individuare lesioni in fase iniziale e scoprire tumori di piccole dimensioni aumenta le probabilità di guarire e di eseguire interventi conservativi.

Importante, pertanto, è non solo avere un sano e corretto stile di vita, ma anche conoscere bene sé stesse, per cogliere in tempo eventuali cambiamenti nel proprio corpo: l’autopalpazione va praticata ogni mese e dovrebbe diventare una consuetudine sin da adolescenti.

 

scarica qui l'opuscolo della campagna

Giornata Mondiale senza Tabacco 2021

Giornata Mondiale senza Tabacco 2021 -  LILT

Il 31 maggio si è celebrata la Giornata mondiale senza tabacco organizzata dall’OMS con l’obiettivo di sensibilizzare il mondo sugli effetti che il fumo di sigaretta convenzionale ha sulla salute. Attualmente, oltre il 70% degli 1,3 miliardi di consumatori di tabacco in tutto il mondo non ha accesso agli strumenti di cui ha bisogno per smettere con successo. Questo divario nell'accesso ai servizi di cessazione è stato ulteriormente esacerbato nell'ultimo anno poiché il personale sanitario è stato mobilitato per gestire la pandemia. Ecco perché l'OMS ha lanciato una campagna di un anno per il tema della Giornata mondiale senza tabacco - "Impegnarsi a smettere". La campagna mira a consentire a 100 milioni di consumatori di tabacco di fare un tentativo di smettere creando reti di supporto e aumentando l'accesso a servizi che hanno dimostrato di aiutare i consumatori di tabacco a smettere con successo.

In Italia, la maggioranza degli adulti 18-69enni non fuma (57%) o ha smesso di fumare (18%), ma 1 italiano su 4 fuma (25%). Dal 2008, la percentuale di fumatori va riducendosi significativamente in tutto il territorio italiano. Questa riduzione coinvolge di più le persone senza difficoltà economiche e meno le persone economicamente più svantaggiate, fra le quali è più alta la quota di fumatori. La quota di ex fumatori cresce all’avanzare dell’età, è maggiore fra le persone senza difficoltà economiche, fra i cittadini italiani rispetto agli stranieri e fra i residenti nelle Regioni settentrionali; ma la quota più alta di ex fumatori è tra i residenti della Sardegna.

Ancora troppo bassa l’attenzione degli operatori al fumo: solo 1 fumatore su 2 riferisce di aver ricevuto il consiglio di smettere di fumare da un medico o da un operatore sanitario.

Per aiutare veramente i consumatori di tabacco a smettere, devono essere supportati con politiche e interventi collaudati per ridurre la domanda di tabacco. La Convenzione quadro dell'OMS sul controllo del tabacco (WHO FCTC) fornisce una risposta forte e concertata all'epidemia globale di tabacco e ai suoi enormi costi sanitari, sociali, ambientali ed economici. Per aiutare i paesi ad attuare l'OMS FCTC, l'OMS ha introdotto il pacchetto tecnico MPOWER per supportare l'implementazione di strategie chiave, come l'aumento delle tasse sul tabacco, la creazione di ambienti senza fumo e l'offerta di aiuto per smettere.

La LILT ha promosso la Giornata Mondiale senza Tabacco con una video diretta su piattaforma online (link: www.prevenireconlalilt.it/giornata-mondiale-senza-tabacco).

#impegnatiasmettereoggi

Links utili

Links utili -  LILT

LILT sede centrale

 LILT

 LILT

 LILT

A.O. "Ospedali Riuniti Marche Nord", Pesaro